/**IMPOSTAZIONE TABELLE RESPONSIVE**/

4 - Castello cinquecentesco

Indirizzo: Salita al Castello, 16038 Santa Margherita Ligure GE, Italia

Il Castello, situato ai piedi della collina su cui sorge Villa Durazzo, venne edificato nel 1550 su disegno di Antonio de Càrabo, maestro comacino, a difesa delle frequenti incursioni dei pirati saraceni, grazie ad una delibera del Senato della Repubblica di Genova. Il castello, a pianta rettangolare, direttamente affacciato sul mare, è di dimensioni contenute, con un'unica torre posizionata nell'angolo di sud-ovest. Fu sottoposto ad interventi strutturali ed a potenziamento degli armamentifino al XVII secolo, ma nel Settecento iniziò a perdere importanza dal punto di vista militare per via delle cessate invasioni piratesche, pertanto ricevette solo alcuni lavori di riparazione e manutenzione. Nel 1745 Genova chiese che gli fosse consegnato l'ultimo cannone rimasto, ma nel 1778 il Castello dovette essere nuovamente armato a difesa degli attacchi dei Turchi. Durante il periodo napoleonico, i francesi fortificarono le coste e misero i castelli della zona nuovamente in stato di idfesa per far fronte agli attacchi degli inglesi. Dopo la caduta di Napoleone e l'annessione di Santa Margherita al Regno di Sardegna (1815) il castello non fu più utilizzato a scopi militarie rischiò di essere demolito per ben due volte: la prima per realizzare in quell'area un nuovo palazzo comunale, la seconda per ingrandire l'adiacente Calata Vittorio Emanuele. Al termine della prima guerra mondiale (1915-18) il Castello fu restaurato ed intitolato in memoria dei caduti sammargheritesi; al suo interno una targa in marmo ricorda il loro sacrificio. Restaurato nuovamente nel 2000, attualmente è una delle sedi utilizzate dal Civico Museo delle Tradizioni Marinare di Santa Margherita Ligure per eventi, conferenze, mostre, etc., e viene identificato quale suo monumento simbolo.

Alla base del Castello Cinquecentesco, prospiciente Corso Marconi, un medaglione di bronzo con l'effige di Gugliemo Marconi ricorda l'illustre scienziato che a Santa Margherita Ligure soggiornò e condusse importanti eperimenti. L'opera, del diametro di 65 cm, realizzata dal Maestro Lorenzo Cascio, è stata donata nel 2009 al Comune di Santa Margherita Ligure dal Sig. Giulio Ciana.

La struttura è gestita dalla Scoietà Progetto Srl. Per info e visite telefonare allo 0185 293135